Logo LexEconomy
Il Sole 24 Ore
Draghi: sì al mix vaccinale, lo farò anch’io. l’eterologa funziona| Migranti, fronte unito Draghi-Sanchez in vista del Consiglio Ue del 24 giugno| Coronavirus, ultimi dati. In Italia altri 1.147 casi e 35 vittime, tasso di positività a 0,5%| Figliuolo: «100mila italiani hanno dubbi sul mix di vaccini». In una settimana somministrazioni in calo dell’11%| Italia, nel 2020 il record di cocaina: sequestrate 13,4 tonnellate (+62%)| Green pass, dallo Spid al medico: le 5 strade per ottenerlo. Cosa c’è da sapere| Camion forza blocco durante manifestazione, muore un sindacalista, due feriti| Addio a Boniperti, campione e dirigente di un calcio che non c’è più| Nel 2020 costretti alla fuga 82,4 milioni di persone (+4%)| Le imprese in pressing su Onu e Fao: salvaguardare la dieta mediterranea| Dalle trivelle di Ravenna ai traghetti sullo Stretto, ecco le novità in arrivo con il Dl Fondone| Alitalia: Altavilla nuovo presidente esecutivo di Ita| Carfagna: «Divari Sud-Nord inaccettabili. I Lep strada obbligata per superare le disuguaglianze»| Decreto Sostegni bis, dalle esenzioni Imu alle cartelle esattoriali: le novità in arrivo| Fondi pensione, rendimenti fino al 3,1% in pandemia. Ma pochi giovani e donne|
Di: Claudia Allevato

Tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima, sarà approvato dal governo un decreto contenente una nuova misura di agevolazione fiscale, il SUPERBONUS, che prevederà un aumento, fino al 110%, dell’aliquota di detrazione per tutti i lavori di ristrutturazione realizzati tra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2020 (suscettibili di probabile estensione al 2021). In poche parole, i destinatari dell’agevolazione potranno realizzare interventi di riqualificazione sismica o energetica a costo zero, grazie alla cessione di un credito d’imposta del 110% alle imprese che eseguiranno i lavori: quest’ultime potranno dunque scontare in fattura l’intero importo dell’intervento.

Di: Claudia Allevato

Il “bonus facciate” è il nuovo sconto fiscale per il restauro e il recupero degli edifici. Prevede una detrazione fiscale del 90% per tutti gli interventi che interessano le strutture opache (muri esterni) della facciata compresi i balconi (spesso caratterizzati dal pericoloso fenomeno di distacco e caduta di frammenti dell’intonaco), ornamenti e fregi, senza un limite massimo di spesa.