Logo LexEconomy
Il Sole 24 Ore
I furti e le rapine crollano con il virus ma più reati sul web| Indice della criminalità, Firenze tallona Milano tra furti e controlli antidroga| Cig, dote da 5-7 miliardi per la proroga al 31 gennaio| Gualtieri: indennizzi entro metà novembre, superiori ai precedenti| Il Giro di Italia al'inglese Hart. Filippo Ganna fa il poker nella crono finale di Milano| Coronavirus, ultimi dati. In Italia ancora record nuovi positivi: 21.273 con 161.880 tamponi, 128 le vittime| Coronavirus, ecco gli sport che si possono praticare e quelli vietati| Ozon vince il Premio del pubblico Bnl alla 15esima Festa del Cinema di Roma| Il governo accelera: allo studio un “pacchetto ristori” da 1,5-2 miliardi| Coronavirus, ecco le regole del nuovo Dpcm del 25 ottobre: cosa si può fare e cosa no| Le categorie non ci stanno. I ristoratori: ci penalizzano per negligenze altrui| Giro d'Italia: finale col batticuore, nella crono di Piazza Duomo Hart e Hindley con lo stesso tempo| Nuovo Dpcm, chiusura di bar e ristoranti alle 18 e stop a piscine e palestre. Conte: «Aiuti con bonifico sui conti corrente»| Coronavirus, ultimi dati: in Italia 19.644 nuovi contagi, con 177.669 tamponi, 151 vittime| Decreto novembre, il governo pronto a intervenire. Ma c’è il problema risorse|
Di: Claudia Allevato

Tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima, sarà approvato dal governo un decreto contenente una nuova misura di agevolazione fiscale, il SUPERBONUS, che prevederà un aumento, fino al 110%, dell’aliquota di detrazione per tutti i lavori di ristrutturazione realizzati tra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2020 (suscettibili di probabile estensione al 2021). In poche parole, i destinatari dell’agevolazione potranno realizzare interventi di riqualificazione sismica o energetica a costo zero, grazie alla cessione di un credito d’imposta del 110% alle imprese che eseguiranno i lavori: quest’ultime potranno dunque scontare in fattura l’intero importo dell’intervento.

Di: Claudia Allevato

Il “bonus facciate” è il nuovo sconto fiscale per il restauro e il recupero degli edifici. Prevede una detrazione fiscale del 90% per tutti gli interventi che interessano le strutture opache (muri esterni) della facciata compresi i balconi (spesso caratterizzati dal pericoloso fenomeno di distacco e caduta di frammenti dell’intonaco), ornamenti e fregi, senza un limite massimo di spesa.