Logo LexEconomy
Il Sole 24 Ore
Coronavirus, Arcuri: «Per i ritardi nelle consegne le vaccinazioni scendono da 80mila a 28mila al giorno»| Scostamento di bilancio, dote anti crisi sale a 165 miliardi| Coronavirus, ultime notizie. In Italia altri 14.078 casi con 267.567 tamponi e 521 vittime| B20, Bonomi: segnali incoraggianti ma non ancora fuori da tunnel| Pil 2020, Italia peggio della Germania ma meglio di Regno Unito e Spagna| Il cattolico Biden e la “frattura” tra i vescovi Usa, divisi su una dichiarazione nel giorno del giuramento| Coronavirus, ecco le Faq del governo: cosa si può fare e cosa no, dalle seconde case alle visite e allo sport| Contagi giù per la stretta natalizia, tra due settimane l’effetto scuola| Scuola, maturità 2021: solo maxi-orale, Invalsi e alternanza non obbligatori| Il turismo sotto stress va a caccia di aiuti. Da Recovery e Manovra 8,7 miliardi| Coronavirus, vaccino Pfizer: dalla Lombardia al Lazio ecco l’impatto dei ritardi regione per regione| Pci, i cento anni della scissione che segnò il destino della sinistra italiana| E ora come verrà riscritto il Recovery Plan? Resta da risolvere la questione centrale della governance| Ristori 5, il decreto slitta a fine mese. Oggi il via libera a nuovo deficit per 32 miliardi| Ristori, cambiano i criteri e aumenta la platea: addio ai codici Ateco|
Di: Claudia Allevato

Tra la fine di questa settimana e l’inizio della prossima, sarà approvato dal governo un decreto contenente una nuova misura di agevolazione fiscale, il SUPERBONUS, che prevederà un aumento, fino al 110%, dell’aliquota di detrazione per tutti i lavori di ristrutturazione realizzati tra il primo luglio 2020 e il 31 dicembre 2020 (suscettibili di probabile estensione al 2021). In poche parole, i destinatari dell’agevolazione potranno realizzare interventi di riqualificazione sismica o energetica a costo zero, grazie alla cessione di un credito d’imposta del 110% alle imprese che eseguiranno i lavori: quest’ultime potranno dunque scontare in fattura l’intero importo dell’intervento.

Di: Claudia Allevato

Il “bonus facciate” è il nuovo sconto fiscale per il restauro e il recupero degli edifici. Prevede una detrazione fiscale del 90% per tutti gli interventi che interessano le strutture opache (muri esterni) della facciata compresi i balconi (spesso caratterizzati dal pericoloso fenomeno di distacco e caduta di frammenti dell’intonaco), ornamenti e fregi, senza un limite massimo di spesa.